Patologie del gatto

PARODONTOPATIE

I gradi di patologia sono 4:

  1. gengivite che comporta arrossamento e sanguinamento al sondaggio
  2. lieve parodontite perdita di attacco gengivale e sanguinamento
  3. moderata parodontite esposizione della forcatura e mobilità dentale
  4. grave parodontite ascessi parodontali , pus nelle tasche parodontali , mobilità dentale



GENGIVITE

La gengivite nel gatto merita qualche parola in più . Può esserci una gengivite giovanile anche iperplastica (caratteristica di alcune razze) oppure in età adulta una gengivite acuta o cronica. Spesso nella forma giovanile l’animale non presenta dolore o fastidio.

Se la gengivite diventa dolorosa e coinvolge anche altre sedi del cavo orale può diventare gengivostomatite cronica del gatto.

 

GENGIVOSTOMATITE CRONICA FELINA (FCGS)

L’eziologia è attualmente sconosciuta perciò ancora fonte di notevoli discussioni.

Ad oggi si ritiene che tale patologia sia dovuta a più fattori : batteri, virus e eccessiva reazione immunitaria.

La cosa certa è la manifestazione clinica abbastanza caratteristica : dolore acuto a prensione del cibo con conseguente anoressia… normalmente il proprietario riporta che il gatto emette delle urla avvicinandosi al cibo o introducendolo in bocca e dopo scappa .

La soluzione si è visto che è solamente chirurgica e prevede estrazioni inizialmente di tutti (radici comprese!!!!) premolari e molari. Le terapie mediche non hanno mai portato a dei risultati definitivi.

 

FORL

Lesioni da riassorbimento che si presentano a livello della giunzione tra corona e radice.

Viene classificata in 5 stadi:

  1. Coinvolto solo cemento
  2. Cemento e dentina di corona o radice (esposizione tubuli dentinali)
  3. Coinvolgimento della polpa
  4. Danno strutturale grave e anchilosi della radice
  5. Assenza di corona e restano “radici fantasma” oppure struttura della radice persa e corona presente

 

FISTOLA ORANASALE

Molto rara nel gatto solo in seguito a situazioni di parodontopatia grave.